Piano di risparmi al comune di Noto: "Basta pagare affitti per gli uffici"

Non ha il minimo dubbio l'assessore al Welfare e allo Sport Daniele Manfredi che ha annunciato il trasferimento del Centro Giovanile nella palazzina servizi del polisportivo Palatucci

NOTO. "Il vero risparmio con decisi tagli si può realizzare: e subito". Non ha il minimo dubbio l'assessore al Welfare e allo Sport Daniele Manfredi che, tra i primi a dare un vero segnale di tagli agli sprechi, ha annunciato che il Centro Giovanile di via Einaudi entro dicembre sarà trasferito nella palazzina servizi del polisportivo Palatucci, in contrada Zupparda: una grande sala attrezzata e tre uffici, oltre gli spazi esterni e i parcheggi. Questa la dotazione del Centro

Ma non è il solo ufficio che cambierà sede: entro l'anno anche Informagiovani - lo sportello che mira a garantire un percorso di crescita formativa, sociale e lavorativa - lascerà la sede di via Einaudi.

"La scelta di trasferirci in locali di proprietà del Comune - ha detto Manfredi - rientra nella logica delle economie e comporterà, in un anno, un risparmio di oltre ventimila euro che a fronte delle sempre minori risorse trasferite da Stato e Regione ci mette al riparo dal dover sopprimere importanti servizi per i cittadini".

Manfredi è lo stesso assessore che per rimettere in moto le attività della piscina comunale - con gli ingressi sprangati per alcuni mesi - ha chiuso un accordo con la società che gestisce l'impianto, "la quale, a parziale copertura di quanto deve al Comune, ha fatto eseguire a proprie spese lavori di straordinaria manutenzione".

Ma l'anno del risparmio per le casse comunali è destinato a proseguire, e non solo sulla carta. Si sta realizzando l'ottimizzazione di altri spazi occupati dalle attività istituzionali con il raggruppamento degli uffici in due soli immobili: palazzo Ducezio e la palazzina ex Inps di piazza Bolivar.

"Prima della fine dell'anno - ha detto il sindaco Corrado Bonfanti - partiranno i lavori per il trasferimento nei nuovi ed efficienti locali di proprietà del Comune, tra cui i settori Lavori pubblici, Sviluppo economico e Tutela e territorio. Ciò vuol dire che saranno lasciati liberi diversi immobili con un notevole risparmio dei canoni d'affitto. Tra questi l'ex convento dei padri Carmelitani di via Ruggero Settimo (di proprietà della Provincia), l'ex ospizio Maltese di via Aurispa (di proprietà dell'Asp di Siracusa) e l'istituto Sacro Cuore di piazza Crispi. Un progetto che concorrerà ad abbattere i costi di affitto, energetici e telefonici".

E su quest'ultimo versante è tornato alla carica il consigliere Salvo Veneziano (Pdl) che ha invitato la maggioranza a un serio impegno per ridurre i veri sprechi: ”Primo fra tutti quello delle famose bollette del telefono: ad oggi nulla si è fatto. Continuiamo a pagare 40 mila euro a bimestre".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X