Niente stipendi da tre mesi Lentini, sciopero dei nettubini

I quarantotto netturbini della cooperativa Igm, che si occupa della raccolta dei rifiuti solidi urbani, ieri mattina hanno incrociato le braccia. I lavoratori hanno protestato davanti al Comune in piazza Umberto per gridare i loro disagi, i problemi e le difficoltà per andare avanti e mantenere le famiglie
Siracusa, Archivio

LENTINI. I quarantotto netturbini della cooperativa Igm, che si occupa della raccolta dei rifiuti solidi urbani, ieri mattina hanno incrociato le braccia. I lavoratori hanno protestato davanti al Comune in piazza Umberto per gridare i loro disagi, i problemi e le difficoltà per andare avanti e mantenere le famiglie. Lo sciopero per denunciare i ritardi della consegna degli stipendi di ottobre, settembre e agosto. Le organizzazioni sindacali Fp - Cgil, Fit - Cisl e Ugl hanno chiesto l'intervento del sindaco di Lentini Alfio Mangiameli e del prefetto di Siracusa Renato Franceschelli per chiedere all'Ente il pagamento delle mensilità e far rientrare la protesta dei lavoratori.
"Per far sentire la nostra voce - ha detto Pietro Guarino, della Cgil - abbiamo incrociato le braccia proclamando lo sciopero. Abbiamo firmato con la ditta un contratto con la riduzione delle ore di lavoro per permettere all'amministrazione di pagare gli stipendi, ma questo non è bastato. La situazione, seppure abbiamo cambiato la ditta, non è cambiata. Basta vedere il deposito dove sistemiamo i mezzi è uguale al passato quando erano le ditte E.F. e Meridiana a gestire i rifiuti". "Noi manteniamo i servizi essenziali - ha detto Daniele Iachininoto della Ugl - quali la pulizia del mercato settimanale e i servizi davanti alle scuole". "Il ritardo dello stipendio sta creando grossi disagi nelle famiglie -protestano alcuni operatori ecologici - considerato che ci sono persone che vivono solo con questo lavoro, molti dei quali devono pagare muti e rare entro fine mese".
I lavoratori hanno chiesto un incontro con il sindaco Mangiameli, ma non hanno ricevuto nessuna risposta. I lavoratori, oggi e domani, dalle 11 alle 13 hanno convocato un'assemblea per discutere e affrontare le strategia di lotta nei confronti dell'amministrazione comunale. "Il mancato trasferimento dei fondi da parte della Regione - ha detto il sindaco Alfio Mangiameli - sta mettendo in ginocchio tutti gli enti siciliani, compreso il nostro Comune".


S.D.S. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook