Ortigia, sequestrate 123 bombole di gas: 4 denunciati

Le verifiche scattate dopo l’incendio nell’appartamento di via Rocco Pirro: scoperte irregolarità nel deposito

SIRACUSA. Le indagini sull’incendio scoppiato nell’appartamento in via Rocco Pirro, ad Ortigia, ha consentito alla polizia di scoprire delle irregolarità commesse dall’azienda che ha fornito alla coppia di anziani le bombole di gpl.
Nel corso dei controlli compiuti dagli agenti del commissariato di Ortigia, si è scoperto che il locale dell’impresa, ricavato in via Raffaele Lanza, nel centro storico, conteneva 123 bombole di gas propano per un peso complessivo di 1035 chili. Troppi per un deposito di quell’entità, che avrebbe potuto contenerne fino ad un massimo di 75 chili. Sono quattro le persone denunciate, tra cui la titolare dell’attività commerciale, P.C., 47 anni, il gestore, M.E.M., 52 anni, C.C., 29 anni, il dipendente dell’impresa, che, mercoledì scorso, avrebbe provato a cambiare le bombole nella casa di via Rocco Pirro, per il quale è stata formalizzata l’accusa di danneggiamento per negligenza, e C.G., 53 anni, di Ispica, il titolare della ditta fornitrice delle bombole.
Le indagini sono state coordinate da Salvatore Roccasalva, dirigente del commissariato di Ortigi, e sono state avviate nelle fasi successive allo scoppio dell’incendio in quell’appartamento. È stato accertato che l’operaio stava sostituendo una delle due bombole, che erano legate con una gomma. «Una pratica molto pericolosa - ha spiegato Roccasalva - che avrebbe potuto creare danni ben più seri». L’operaio si trova ancora ricoverato al Centro grandi ustionati dell’ospedale di Catania.

GA. SC.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Siracusa: i più cliccati