Carceri, Osapp: un solo pullman per due province

Mimmo Nicotra, vicesegretario generale, osserva come sia impensabile garantire tutti i trasferimenti da Catania e Siracusa con un solo mezzo. "Sistema al collasso"

PALERMO. "Che il sistema fosse quanto prima prossimo al collasso era stato già previsto, ma sicuramente non così in tempi celeri". A dichiararlo è Mimmo Nicotra, vice segretario generale Osapp, che osserva come sia impensabile cercare di assicurare tutte le traduzioni in partenza dagli istituti del catanese e del siracusano con un solo pullman.
"Già in precedenza - spiega - si era rischiato di far saltare importanti processi perché si dovevano aspettare mezzi e uomini da altre provincie, ma addirittura prevedere traduzioni collettive da più provincie e con destinazioni in diversi palazzi di giustizia è segno evidente che il sistema penitenziario siciliano è prossimo all'implosione". "Addirittura - continua il sindacalista - sembrerebbe che siano saltati alcuni processi perché non si è riusciti con le
ormai esigue risorse a disposizione - un solo pullman per due provincie - a tradurre tutti i detenuti che avrebbero dovute partecipare a processi penali".
"Se a questo - conclude Nicotra - si aggiunge che vi sono problemi per il reperimento delle risorse economiche per effettuare i rifornimenti e che è anche il numero delle autovetture del corpo sono ridotte ai minimi termine è evidente che in Sicilia se non arriveranno quanto prima il minimo indispensabile di risorse economiche i processi saranno destinati a non essere celebrati".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook