Avola, lo stipendio di settembre non arriva Impiegati verso lo stato di agitazione

Trecento dipendenti senza paga a causa del mancato trasferimento delle risorse da parte di Stato e Regione

AVOLA. Nessuna garanzia fino a ieri per gli stipendi del mese di settembre per i dipendenti di ruolo del Comune di Avola, oltre 300 unità tra impiegati, operai e funzionari, per il mancato accredito fino a venerdì scorso delle somme delle rate di trasferimento sia regionale che statale con le quali l’amministrazione comunale avrebbe potuto già liquidare le spettanze. Dentro il municipio la mancata liquidazione degli stipendi al personale starebbe iniziando a mettere in moto possibili azioni di protesta, almeno secondo quanto si è potuto registrare venerdì scorso durante l’incontro sindacale di delegazione trattante con la parte pubblica alla quale ha partecipato il sindaco Luca Cannata. Per questo motivo, compulsato anche dai rappresentanti Rsu della Cisl, il sindaco Cannata ha deciso, annunciato durante l’incontro di delegazione trattante, di indire una assemblea generale dei dipendenti comunali che si svolgerà tra giovedì e venerdì prossimo al fine di illustrare la situazione finanziaria dell’ente rimasto con le casse al verde. L’articolo completo sul Giornale di Sicilia in edicola.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X