Critiche ad un video su Facebook: parte la spedizione punitiva

Denunciati un rapper e un altro giovane, che avrebbero aggredito un ragazzo a cui non era piaciuto un lavoro fatto da loro, scrivendolo apertamente sul social network
Siracusa, Cronaca

SIRACUSA. Si sarebbe permesso di criticare una clip musicale su facebook. La sua punizione è stata un violento pestaggio sotto casa. I suoi aggressori sono stati identificati e denunciati all’autorità giudiziaria, con l’accusa di lesioni. Nella ”rete” dei poliziotti sono finiti F.A., 29 anni, un rapper molto conosciuto in città, e M.S., 28 anni, entrambi siracusani. Tutta la vicenda ruota attorno al social network facebook.


È lì che la vittima dell’aggressione avrebbe visto un video musicale realizzato proprio dai due giovani, che hanno anche collaborazioni importanti a livello nazionale. La clip non gli sarebbe piaciuta e, come da ”tradizione” sul social network, avrebbe lasciato un commento. La critica non sarebbe andata giù ai due rapper che avrebbero così deciso di punire il giovane per essersi preso la briga di ”censurare” il loro video. È così che sarebbe scattata la spedizione punitiva con i due che si sarebbero presentati a casa del giovane chiedendogli di scendere giù in strada. Con la scusa, forse, di un chiarimento, sarebbero riusciti a convincerlo a incontrarli. Un confronto che, però, sarebbe stato a parole solo per qualche secondo visto che in pochi istanti i due avrebbero iniziato a picchiare selvaggiamente il loro ”critico”. Una ”lezione” dura per il commento su facebook con i due che si sarebbero poi allontanati lasciando il giovane dolorante per terra.


La storia ha però avuto una seconda ”puntata” sempre su facebook perchè la vittima dell’aggressione, che è stato medicato all’ospedale «Umberto I» dove i medici lo hanno giudicato guaribile in dieci giorni, dopo aver denunciato quanto accaduto alla questura ha pubblicato sul social network la propria foto con il volto tumefatto accusando pubblicamente i due rapper.  Gli agenti hanno così avviato le indagini effettuando i riscontri sul racconto del giovane. Tutti gli elementi avrebbero portato proprio al ventottenne e al ventinovenne che nella giornata di mercoledì sono stati denunciati e adesso dovranno rispondere dell’accusa di lesioni.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X